Insegna Ricchioni dal 1962
Ricchioni dal 1962: Quando l’Insegna Dice Tutto
29 ottobre 2009
Postsecret: depressione
Sunday Secrets: Depressione e Cartoni Animati
1 novembre 2009
Mostra tutto

Il Mistero della Copertina di Abbey Road Spiegato da Paul McCartney

Paul McCartney in bianco e nero

Paul McCartney in bianco e nero

Sicuramente tutti avrete già sentito nominare Paul McCartney, il celebre chitarrista e cantante dei Beatles. E se siete un minimo appassionati della sua musica, è ancora più probabile che siate venuti a conoscenza della leggenda della morte di Paul (chiamata PID, ovvero Paul Is Dead).

Secondo una vasta serie di fan, McCartney sarebbe deceduto in un incidente d’auto nel 1966 e sarebbe stato sostituito da un sosia, per non mettere in pericolo la popolarità del gruppo: i sostenitori di questa storia indicano una serie di “indizi rivelatori” nascosti nelle opere dei Beatles successive alla tragedia.

Ad esempio, nella copertina dell’album Abbey Road, qualcuno vede una processione funebre e alcuni inconfutabili segni della morte di McCartney. Tutti i Beatles indossano le scarpe mentre Paul è a piedi nudi, e anche nella targa del maggiolino sullo sfondo vengono lette misteriose frasi inerenti alla morte del chitarrista.

La storia sembra essere frutto di un’invenzione, ed è sempre stata accolta con un sorriso dai componenti della band. Paul McCartney non ha mai rilasciato dichiarazioni in merito, facendo intendere che sia solo una grossa bufala. Ma di recente, in un programma in onda su Sky, gli è stato chiesto il motivo dei suoi piedi nudi nella copertina di Abbey Road.

La risposta di Paul? “Quel giorno ero in infradito e faceva caldissimo, non riuscivo a concentrarmi a causa delle scarpe e dell’afa e alla fine ho deciso di levarmi anche gli infradito e di fare gli ultimi scatti a piedi nudi. È stato un DJ americano a mettere in giro la voce che fossi morto, proprio a causa di quel gesto e dei piedi nudi!”

Quindi tutto si potrebbe risolvere semplicemente così. Ma allora perché secondo l’analisi craniometrica pubblicata su Wired, realizzata dai Gabriella Carlesi e Francesco Gavazzeni (una famosa anatomopatologa e un informatico) il cranio di Paul è cambiato dopo il 1966? Credo che questa rimarrà una delle leggende metropolitane più famose fino alla morte del cantante e oltre.

1 Comment

  1. ivo scrive:

    ahuahuhahuhauhauhauhuahu
    ma l’analisi “craniometrica” l’hanno fatta su Paul o sulle foto … no perché è risaputo che le lenti deformano, quindi sulle foto di oltre 40 anni fa è una test inutile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *